Il Fumettivendolo

Vartán

Vartán Le avvincenti ed emozionanti avventure di Vartán, l'indiana bionda tra sesso, violenza, stupri, vendetta e amore... un vero piccolo grande classico cult del genere!

Vartán, soprannominata l'indiana bianca, sakem di una tribù, è una paladina della giustizia che combatte con tutte le sue forze criminali, banditi e sfruttatori della sua gente. Ma è anche molto sfortunata, visto che quasi in ogni episodio viene torturata o violentata.

Sposata con Rik Winson, che però la tradisce, ha come unico amore lo scout Kid West, ma non disdegna relazioni saffiche, con Jenny per esempio, o più occasionali rapporti con gli uomini che incontra nelle sue avventure.

In Vartán, i bianchi vengono mostrati come spietati e senza scrupoli, mentre i pellerossa come buoni e indifesi, tuttavia non vi è una vera esaltazione degli indiani, che risultano inevitabilmente in posizione di inferiorità.

Molti dei comprimari hanno nomi più volte orecchiati al cinema, soprattutto negli spaghetti western: Corpus Christy, Requiescant, Percy detto Cuoio. La differenza con i prodotti analoghi è una maggiore cura nella realizzazione sia dei testi che dei disegni, nei quali soprattutto Sandro Angiolini profondeva l'abilità derivata da trent'anni di professionismo, riducendo il segno all'essenziale e delineando con pochi tratti donne splendide e flessuose.

VartánVartán cavallo


VARTÁN
Furio Viano Editore, Milano.
200 numeri dall'ottobre 1969 al maggio 1977.
Testi di Furio Viano, Paolo Ghelardini.
Disegni e copertine di Sandro Angiolini.